LE FOTO DI SEOUL CON GQOM OH!

Seoul è tornato sabato in occasione di una data imperdibile del tour mondiale di GQOM OH!, l’etichetta di Londra che rappresenta la scena sudafricana che sta facendo impazzire i dancefloor europei. Dlso.it ci ha spiegato meglio di cosa si tratta, preparandoci al meglio alla seconda data della nuova clubnight bresciana:
“sviluppatasi tra le township di Durban, la seconda città per abitanti del Sudafrica, la gqom taglia in mezzo all’alchimia kwaito e alla bacardi house di Dj Spoko e Mujava, risultando allo stesso tempo comunque unica. A colpire è la sua scioltezza, dovuta alla mancanza di bassline, e la sua drammaticità, dettata da un lento ed inquieto synth drone. Il tutto accompagnato, in ritornelli ripetuti allo sfinimento, da campioni vocali e da una componente ritmica fortemente sincopata, fatta di kicks nerboruti e percussioni assortite. Una macchina da dancefloor che qualcuno ha accostato al grime, paragone apparentemente non così azzardato, ma smentito dai suoi fautori: “Honestly speaking, most Durban producers don’t know grime. I didn’t know grime until‎ two months ago I think.” (via FACT)

gqom iz da sound u get wen u drop a rock on tiles

A fare da amplificatore di questa scena è stato ancora una volta internet, attraverso la piattaforma di streaming e download Kasimp3 (kasi nello slang locale significa township), quartier generale/musicale senza il quale la gqom non avrebbe avuto modo di svilupparsi nella forma di cui siamo a conoscenza – o almeno, non così velocemente. Il servizio è molto semplice: un feed à la Twitter mostra i brani in ordine di numero di download, da chiunque riproducibili e scaricabili. Un mezzo che ha portando la gqom dai club della città costiera nelle tasche di una pletora di giovani locali. E non solo, diversi europei hanno attinto a piene mani in questo mare magnum di upload. Tra questi, il producer grime Moleskin, il quale ha accolto sotto le proprie egida – quelle di Goon Club Allstars – Rudeboys, e il DJ romano Nan Kolè, fondatore della Gqom Oh!”