SNEAKERS CUSTOM: L’INTERVISTA A MUNDUS HUB

Uno dei fenomeni degli ultimi anni in ambito Sneakers Culture è sicuramente quello del Custom.

Li dove non arrivano i Brand arrivano le menti e le mani di artisti, customizzatori che creano pezzi 100% unici e irripetibili.

In questo sottobosco, spiccano due ragazzi del Milanese, che grazie alla loro inventiva e alla loro precisione chirurgica si presentano come una delle realtà di Sneakers Custom più forti d’Europa e non solo.

1) Ciao ragazzi, innanzitutto diteci chi siete e come è nato il progetto mundushub

Ciao, il progetto Mundus Hub com’è ora nasce ufficialmente nel 2016, ma alle spalle ci sono stati altri 2 anni di prove e rielaborazioni del progetto che hanno portato al risultato di oggi.
Come tutti i progetti è nato in un garage fino a svilupparsi nella forma attuale, ovvero un laboratorio artigianale alle porte di Milano, nel distretto calzaturiero di Parabiago dove siamo a contatto con numerose realtà del settore.
Siamo due designer di prodotto con la passione per le sneakers e il nostro obiettivo è quello di creare e dare la possibilità ai nostri clienti di vedere realizzate le proprie idee, per creare sneakers personali e uniche.Noi personalmente non ci consideriamo artisti e preferiremmo non essere etichettati come tali; il nostro lavoro, a differenza di altri nel nostro campo, ha una direzione più progettuale che decorativa.
Diamo importanza anche alle personalizzazioni più artistiche certo, ma preferiamo mettere mano sulle sneakers, rielaborandone l’estetica dal punto di vista progettuale

2) in questo momento il mondo del custom è in grande espansione. Ricevete molte richieste?

In questo momento in particolare, il custom si sta inserendo bene all’interno della direzione che sta prendendo il mondo sneakers.
Rispetto a quando abbiamo iniziato, un po’ più di 1 anno e mezzo fa, adesso si vedono molte più sneakers custom e molte più release ufficiali che come idea di base si avvicinano a questo mondo. Il concetto di custom per esempio in America è già presente in maniera più marcata ma sta arrivando anche in Italia, e questo lo abbiamo notato anche nell’aumento delle richieste.
Essendo un prodotto artigianale, non si parla ovviamente di numeri esagerati, ma diciamo che sappiamo come impegnare le nostre giornate!

3) la richiesta più assurda che avete ricevuto?

Ce ne sono parecchie ma preferiremmo non parlarne 🙂

4) qual è il rapporto secondo voi tra la persona che vi chiede un lavoro e la sua scarpa. È una continua ricerca di un prodotto ultra personale?

Dobbiamo dire che solo ultimamente c’è stato un’aumento delle persone che sono alla ricerca di un progetto molto personale, e questo ci piace perchè ci permette non solo di uscire fuori dagli standard del custom, ma anche di instaurare un rapporto personale con i nostri clienti e con le scarpe che produciamo per loro.

5) il lavoro di cui andate più fieri?

Ad oggi sicuramente la Jordan Mezzanotte di Ghemon è il custom di cui andiamo più fieri, ma anche le Monarch e le AF PornHub se la giocano

6) I Brand si sono accorti di voi e vi hanno anche chiamato per lavorare con loro in maniera ufficiale. Dove credete che possa arrivare questa collaborazione in futuro?

Gli eventi nello store Nike sono stati spaziali! Dal momento che lavoriamo su scarpe di brand esistenti, per noi è molto importante instaurare un rapporto con tali brand. E’ un’occasione importante per noi per dimostrare la potenzialità del nostro lavoro e ci sarà sicuramente occasione per ripetere queste collaborazioni.  Il nostro sogno nel cassetto è una collabo per una release ufficiale di un custom…

7) Prossime customizzazioni speciali?

Abbiamo parecchi progetti in cantiere, da collaborazioni ufficiali con brand e artisti a custom per personaggi nel mondo dello sport. E poi chissà, non è esclusa una collaborazione VM18 🙂

 

INSTAGRAM : MUNDUS HUB